Il Golf sport da insegnare ai ragazzi nella Fase 2

Il golf sport adatto alla Fase 2. In Sicilia si potrebbe sfruttare questo momento per una sua diffusione e definitiva consacrazione.

La quarantena per il Covid-19 per noi amanti del Golf, diciamolo, è stata una sconfitta di tutto quanto avevamo realizzato attorno a questa mazza ed a questa pallina.

Diretto contatto con la natura, lunghe camminate sui prati verdi, qui in Sicilia, addirittura, si respira lo iodio del mare, come al Verdura di Sciacca, ad esempio, dove il green finisce dove inizia la spiaggia. Tutto questo non era più valido, dovevamo evitare qualsiasi tipologia di contatto con gli altri. Cosa che già nel golf è una regola base. La distanza fisica è uno dei comportamenti “sociali” di questo sport.

Il rispetto dell’altro, della sua concentrazione, dei suoi spazi vitali di gioco sembrano essere le regole che tutti noi dovremmo seguire nalla Fase 2. Abbiamo compreso ed accettato le scelte di lockdown anche se sono state sofferte. Ma pensiamo alla ripartenza ed al post covid-19.

Oggi, però, soffriamo perchè i campi da golf in Sicilia, sono quasi tutti strettamente connessi ai resort che soffrono della crisi del turismo in generale.

Oggi che scriviamo, l’unico green funzionante è quello di Palermo al Parco Airoldi ed attendiamo l’apertura degli altri. Siamo stati costretti a rivedere i circuiti di gare ed il nostro amato Flott Golf Challenge è ancora in forse con molte probabilità che la sua V° stagione venga rimandata al 2021. Ma come sfruttare questi mesi che ci accompagneranno sino all’inverno inoltrato?

Utilizziamoli per diffondere questo sport tra i giovani, specie in Sicilia. Coinvolgiamoli anche sfruttando promozioni ed offerte imperdibili soprattutto nell’equipaggiamento. Noi amanti del golf, mettiamoci a disposizione della comunità e portiamo questo sport fuori dalle elite in cui si è, obtorto collo, rinchiuso.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.